Arte e cultura

    stampa

    Associazioni e Artisti massetani


    Coro polifonico


    Si è costituito nel Dicembre del 1992 per inziativa di alcuni giovani appassionati di musica. Il gruppo si è proposto con vario repertorio in molte città della regione.
    È dal Febbraio '96 la collaborazione con l'associazione "Amici della Lirica" di Perugia nell'importante rievocazione in costume di "Boheme", in occasione del centenario della prima rappresentazione , nel Teatro della Concordia di Montecastello di Vibio, eseguendo parte del II atto dell'opera. Nel 1998 si è esibito in un concerto a Novedrate (Como) in occasione di un gemellaggio con la cittadina lombarda. Nel '99 ha partecipato al V° Festival Internazionale di Canto Corale a Parigi. L'anno scorso ha preso parte alla manifestazione "In Coro 2000" promosso dalla Regione dell'Umbria , alla Rassegna Internazionale "3° Festival di Canto Corale Alta Pusteria" svoltosi a Dobbiaco ed ha inciso un CD di musica sacra liturgica.
    Dall agosto '97 il Coro è costituito in associazione culturale allo scopo di favorire la diffusione e la conoscenza della musica, istituendo corsi di studio per canto corale e pianoforte, e organizzando rassegne musicali.

    Gianni Bagli

    Nato a Massa Martana nel 1962 dove vive ed opera. Si è diplomato maestro ceramista nel 1981 all'Istituto Statale d'Arte di Deruta seguendo i corsi degli insegnanti Monatti e Mazzini. Ha quindi preferito applicarsi alla pittura e al disegno.  
    La prima mostra personale si è tenuta a Stroncone (Terni) nel 1980. Nel 1983 e nel 1985 ha partecipato a due rassegne collettive d'arte a Massa Martana in occasione delle "giornate massetane" in agosto. Nel 1984 al premio estemporaneo di pittura organizzato dal comune di Bevagna. Nel 1985, al primo concorso nazionale di pittura estemporanea "Gerardo Dottori" promosso a Magione in omaggio alla figura dell'illustre pittore umbro d'epoca futurista, di cui un importante dipinto - "Fra Giovanni di Pian di Carpine alla corte del Gran Khan" - si trova nella sala consiliare del Municipio.
    Per tre volte, negli anni 1982 - 1983 e 1985 ha preso parte al Premio nazionale "Nuova Era" di Todi per le arti visive e la letteratura. Viene segnalato nel 1983 da una giuria presieduta da Fausto Mercuri, composta da Antonio Folichetti e Domenico Mammoli. All'epoca era presidente del Premio Nuova Era l'operatore culturale Enzo Serafini e componenti del comitato d'onore erano Massimo Grillandi, Francesco Piccinelli, Sergio Collima, Mario Meneghini, Luisa Rivelli, Gina Basso. Anche nel 1985, una segnalazione alla sua opera è stata fatta dalla giuria del premio tuderte presieduta dall'avv. Domenico Mammoli, mentre la presidenza del Premio stesso è stata assunta da Giannetto Serafini, fratello di Enzo, immaturamente scomparso dopo aver creato ed animato l'iniziativa.


    Marcello Folignoli


    (nato a Massa Martana (PG) il 08/02/1932, iscritto alla "Accademia Internazionale Michelangelo di Forlì")

    Nella Sua attività pittorica ha partecipato dietro invito alle più qualificate rassegne d'arte ottenendo numerosi premi e benemerenze tra le quali:
    -  "1ª BIENNALE MICHELANGELO CITTA' DI FORLI' 1981"
    -  "1º TROFEO D'ARTE GRAFICA AL MUSEO NAZIONALE DELLA SCIENZA E DELLA TECNICA LEONARDO DA VINCI DI MILANO 1982"
    -  "1º PRIMO PREMIO NAZIONALE DI PITTURA "NUOVAERA" CITTA' DI TODI 1985"

    Una Sua opera "Abbazia di S. Mercuriale" è al Museo Storico S. Mercuriale di Forlì.

    Hanno scritto di lui:

    "Marcello FOLIGNOLI nasce a Massa Martana (PG) l'8 febbraio 1932 e, nel 1961 si trasferisce a Forlì dove vive e lavora. Ha esposto varie volte alla Sala Mostre della "Accademia Internazionale Michelangelo di Forlì" presentando disegni, di cui due realizzati con tecniche miste. FOLIGNOLI è un disegnatore mostruoso, usa la matita come un cesellatore, riesce a creare col suo nero, impasti cromatici di rara suggestione, conferendo all'opera le dimensioni plastiche di un quadro vero e proprio. Il segno è di una nitidezza e di una pulizia estrema, la composizione si muove con una dimensione ritmica scandita dai contrasti bianco e nero assolutamente regolari, e l'opera acquista in dimensione e profondità, grazie ad un gusto della prospettiva veramente superiore. La tensione del segno di FOLIGNOLI, la purezza ritmica delle linee, mostrano in lui una sicurezza certamente non comune. FOLIGNOLI ha dalla sua il talento del grande disegnatore." Celso MISIROCCHI

    "…Ama l'architettura antica, fatta a misura d'uomo che suggeriscono all'osservatore l'immagine simbolica di un sicuro rifugio per lo spirito. La povertà del mezzo costruttivo, del rustico mattone o della pietra col quale intesse le sue cose, nei vicoli stretti del paese, di terra umbra o romagnola, nelle piazzuole silenziose e composte dei suoi quadri, inducano l'osservatore ad una contemplazione di natura squisitamente spirituale. Ogni particolare ambientale restituitoci con scrupoloso rispetto del vero, trascende la pura immagine rappresentativa delle cose, per diventare simbolo di una età senza tempo, suscitatrice di profonde emozioni, intessute dei vivi ricordi della sua fanciullezza. ……." Rosalba BELLI

     

    Emanuela Rocchi


    ( nata a Roma nel 1974 e residente a Massa Martana dove vive insieme alla sua famiglia)
    Dotata di un versatile talento creativo, la Rocchi è una giovane designer che ha indirizzato la sua attività verso una gamma diversificata di interessi artistici; oltre la scultura, pratica la pittura, la grafica, la decorazione murale, il design orafo, dimostrando notevole senso della forma, un personale profilo stilistico e una buona dinamica espressiva. 
    La sua opera più importante, finora, è certamente la realizzazione del Logo Ufficiale del Grande Giubileo del 2000, che le è valsa una meritata notorietà.Ha realizzato a sedici anni le prime mostre personali e collettive di quadri eseguiti con la tecnica del chiaroscuro.
    Nel 1993 ha conseguito il diploma di maturità artistica ramo oreficeria presso l'istituto d'arte O. Metelli di Terni.
    Ha continuato a coltivare la passione per l'arte eseguendo murales, decorazioni su diversi materiali e quadri ad olio o acrilici su tela.
    Dopo aver superato la selezione per l'ammissione, ed essersi classificata al secondo posto, ha continuato i suoi studi presso la prestigiosa Scuola dell'Arte della Medaglia dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, consolidando contemporaneamente la sua formazione artistica nel laboratorio dello scultore orafo Fausto Maria Franchi.
    A febbraio del 1996 ha partecipato al concorso internazionale bandito dal Vaticano per la realizzazione del Logo per il Grande Giubileo del 2000, confrontandosi con le maggiori agenzie pubblicitarie multinazionali, risultando vincitrice su decisione dello stesso Pontefice Giovanni Paolo II.
    A novembre dello stesso anno ha disegnato e realizzato per la quarta edizione di "Desideri Preziosi", un pettorale in argento cesellato e smaltato classificandosi tra i primi tre.
    Nel 1997 ha progettato una scultura sul tema dello Spirito Santo per il sagrato di una chiesa romana.
    A marzo ha ricevuto il "Premio Minerva 1997" conferito alle donne che si sono distinte nel campo della Sapienza, delle Arti e dei Mestieri.
    A maggio ha progettato per il concorso annuale scolastico la medaglia calendario sul tema "Arte e cultura verso il terzo millennio" e si è classificata tra i cinque finalisti.
    Nello stesso mese è stata ricevuta in udienza privata dal Pontefice, per il quale ha realizzato un ritratto circondato da simboli astratti.
    A febbraio del 1998 ha disegnato il logo per i Campionati Europei Giovanili di Tennistavolo svoltisi a Norcia.
    Ad aprile ha realizzato il logo per l'incontro internazionale del Pontefice con la congregazione dei Legionari di Cristo svoltasi il 29 maggio a San Pietro.
    A luglio si è diplomata presso la Scuola dell'Arte della Medaglia con valutazione da 27 a 30/30 nelle varie materie.
    A novembre ha disegnato il logo per "Manaus 2000", un festival ecologico con lo scopo di salvare la foresta amazzonica e ha realizzato il premio "Amazonas 2000", una medaglia fusa in argento, smaltata e cesellata, conferita al governatore dello stato di Amazonas, Don Amazonino Armando Mendes.
    Da marzo 1999 sta creando una nuova serie di medaglie per la società Millennium Italia, esclusivista mondiale del logo del Grande Giubileo del 2000 per monete e medaglie, in vendita presso le più prestigiose banche e gioiellerie di tutto il mondo.
    La prima realizzazione è stata dedicata a Padre Pio, coniata in oro e argento, in occasione della beatificazione avvenuta il 2 maggio 1999.
    A maggio ha realizzato la seconda, dedicata alla Basilica di San Pietro. Tutte le medaglie sul tema giubilare avranno sul rovescio il logo ideato dalla giovane artista.
    A giugno ha realizzato una serie limitata di medaglie fuse in bronzo per la "European School of Economics" , università privata di economia e finanza, sul tema "Roccia ESE".
    A luglio ha disegnato il logo per l'ufficio stampa della Confraternita dei frati francescani del Sacro Convento d'Assisi e quello per il raduno giovanile svoltosi presso il Santuario dell'Amore Misericordioso di Collevalenza.
    a novembre 99 ha partecipato al concorso della Segreteria di Stato per realizzare la medaglia annuale Pontificia ed è risultata vincitrice.
    A luglio del 2000 ha cominciato la collaborazione con il maestro orafo Gerardo Sacco. Per tale motivo Emanuela sta insegnando disegno e progettazione nella "Scuola Mediterranea orafa" di Crotone e crea nuove linee di gioielli per l'azienda.
    A novembre di quest'anno ha disegnato il "Premio Magnificat" per l'omonima trasmissione televisiva che verrà trasmessa su rai1 in prossimità del Natale.